lunedì 11 febbraio 2013

Ma la vetroresina quanto dura?

Chi di noi si accinge a comprare una barca usata, magari anche vecchiotta si pone sempre in fondo al cuore il dubbio amletico:
"Ma la vetroresina sarà eterna? Insomma la vetroresina d'epoca non si sbriciola non marcisce, non si ossida...mi sembra mantenga intatte le sue proprietà' nel tempo... O no?"




Barche oramai di 25-35 anni se ben conservate, cioè senza sbriciolamento del core e se esenti da osmosi e/o delaminazioni dell'opera viva sembrano ancora robustissime.

Ma sarà veramente così?

E' proprio una bella domanda. per la quale vale la pena di abbozzare una risposta di tipo assai generale.

Le considerazioni generali di comportamento nel tempo valgono per tutti i materiali compositi. La loro durata  è molto influenzata dalle caratteristiche della resina.

Giocano contro la durata:


  • la presenza di fluidi/vapori  più o meno aggressivi olii, scarichi, etc,
  • l'umidità,
  • i cicli termici,
  • l'esposizione ai raggi ultravioletti,
  • la corrosione galvanica sempre presente tra materiali distanti dal punto di vista elettrochimico,
  • altri fattori minori,


A questi si aggiungono gli effetti dell'utilizzo nel senso di: 


  • carichi statici,
  • carichi a fatica,
  • l'esposizione a fonti di calore,
  • Impatti,


Gli impatti sono tra le cause più frequenti di danno e deterioramento: spesso  causano danni non visibili, ovviamente i peggiori, la struttura è malata e tu non lo sai, se invece il danno è visibile allora riesci a valutarne le conseguenze e decidere o meno il ripristino strutturale.
I danni da impatto costituiscono un vero problema, perché causano delle rotture della resina  con penetrazione d'acqua o altre schifezze e sono potenziali inneschi di propagazione di crepa.




Una struttura esente da danni ha un'ottima resistenza nel tempo; vi sono parti che nonostante abbiano superato i 30 anni di vita sono ancora strutturalmente adeguate. Una struttura danneggiata non riparata è candidata ad assorbire umidità ed a degradarsi rapidamente soprattutto in presenza di altre concause.


Per cui il consiglio è quello di esaminare il più possibile la barca al momento dell' acquisto, informandosi su eventuali danni subiti, su come è stata rimessata (sempre all'aperto, oppure al riparo..), in quali acque ha stazionato per la maggior parte del tempo (l'osmosi è favorita dalle acque dolci)...

Una volta acquistata, godiamoci la nostre barca in vetroresina, diamogli un'attenta occhiata alla fine di ogni stagione per veder se vi sono danneggiamenti visibili, se abbiamo subito un impatto conviene dargli un'occhiata appena possibile e se abbiamo dei dubbi approfondire



I margini di progetto sono di solito talmente ampi da permetterne un normale utilizzo per un ragionevole periodo, mi sbilancerei: qualche decina d'anni con una normale manutenzione e dopo le si guarda con più frequenza ed attenzione.

Buon acquisto.

Sezione Vela
Luca 3482233485 
Guido 3357216358

Nessun commento: