martedì 5 maggio 2015

E' finita l' avventura! (?)...

Continuano i  lavori sulla nuova barca a vela (un Dehler Dhelya 25)...


Osterigio nuovo, diviso in due componenti legno e plexiglass,
FATTO!



Paiolato nuovo, 
FATTO!

Riverniciatura interna, ripristino sportelli in legno, ripristino impianto elettrico, installazione apparato stereo, tappezzatura pareti ...
FATTO!


Cuscineria nuova,
FATTO!

Cosa manca adesso? i lavori interni ed esterni sono terminati, manca soltanto l'antivegetativa, tirare su l'albero, montare timone e motore, armare le vele, fissare i parabordi e le cime d'ormeggio... 

Quindi è finita l'avventura!(?)

Il punto interrogativo è d'obbligo, conoscendo il Presidente, e sapendo quanto sia preciso e meticoloso nei suoi lavori.
Come dice lui la barca non sarà finita finchè non sarà perfetta, ma siccome dice anche che non esistono barche perfette, in quanto c'è sempre un altro lavoro da fare, per migliorarla, renderla più bella, più sicura, più performante...

Comunque sia, voci di "corridoio" assicurano che  "Alta Marea" verrà varata prossimamente, lo chiede lei, lo chiede l'armatrice... ;-) :-)

Buon Vento.

giovedì 30 aprile 2015

Guida alla lunghezza delle cime in barca

Non sai con precisione quanti metri di cima acquistare per le tue scotte e le tue drizze? Ti possiamo aiutare a calcolare la lunghezza che ti serve!

Innanzitutto è importante conoscere alcune misure della propria barca:
  • P= altezza dal boma all'uscita della drizza randa
  • E= lunghezza dall'albero all'uscita del tesabase
  • J= distanza dal fronte dell'albero alla landa di prua
  • I= altezza dalla base dell'albero all'uscita della drizza genoa
  • A= lunghezza dello strallo di prua
  • ISP= altezza dalla base dell'albero all'uscita della drizza spi
  • LOA= lunghezza della barca


A questo punto è sufficiente seguire le seguenti tabelle per avere un'indicazione approssimativa della lunghezza delle manovre.

RANDA:
  • Lunghezza scotta (Paranco 4:1 alla fine del boma) = E x 5,6
  • Lunghezza scotta (Paranco 6:1 alla fine del boma) = E x 8,4
  • Lunghezza scotta (Paranco 4:1 a metà del boma) = E x 4,3
  • Lunghezza scotta (Paranco 6:1 a metà del boma) = E x 5,7
  • Lunghezza drizza (in metri) = LOA (in piedi)
  • Tesabase E x 2
  • Wang E x 2
  • Cunningham
  • Borosa  (prima mano terzaroli) E x 2,5
  • Borosa  (seconda mano terzaroli) E x 3
es. una barca lunga 10 piedi avrà una drizza randa lunga 10 metri

FIOCCO/GENOA:
  • Lunghezza scotta (Roller da crociera) = LOA x 1,40
  • Lunghezza scotta (Genoa da regata 155%) = LOA x 1,20
  • Lunghezza scotta (Genoa da regata 135%) = LOA x 1,15
  • Lunghezza scotta (Genoa da regata 100%) = LOA x 1,05
  • Lunghezza drizza A + I + distanza dall' albero al pozzetto
N.B. Aumenta del 20% queste lunghezze se la scotta passa attraverso un bozzello a poppa.

SPI/GENNAKER:
  • Lunghezza scotta (Spi) = LOA x 2,00
  • Lunghezza scotta (Gennaker – strambata dentro) LOA x 2,30
  • Lunghezza scotta (Gennaker – strambata fuori) LOA x 2,7
  • Lunghezza bracci = LOA x 1,80
  • Lunghezza drizza ISPx2 + distanza dall'albero al pozzetto
CAVI DI ORMEGGIO:
  •   Cima di ormeggio  =  LOA X 1,25

Buon Vento.

venerdì 24 aprile 2015

Controlli inizio stagione

Si approssima la stagione estiva, e presto torneremo a navigare, ma per la sicurezza e per il divertimento dell’equipaggio vogliamo preparare a dovere la barca così da non avere imprevisti spiacevoli e prevenire eventuali rotture. 

Ecco le cose da controllare assolutamente, prima dell' inizio della stagione, o comunque dopo un periodo di non utilizzo della barca.



ATTREZZATURA DI COPERTA
Per una buona fluidità delle manovre in cima alla lista deve esserci la revisione totale dell’attrezzatura di coperta
  1. Partiamo dai  bozzelli: se avete usato bozzelli low cost è possibile che il sole il vento e la pioggi, li abbiano cotti e un carico più forte possa romperli.
    Controllate se la plastica dove scorre la cima presenta piccole crepe o è usurata. 
  2. Gli stopper delle drizze vanno spruzzati all’interno con liquido sbloccante per favorirne una rapida apertura. 
  3. Stessa operazione va fatta alle varee del tangone, verificando che il meccanismo di chiusura e apertura funzioni in maniera fluida. 
  4. Check obbligatorio anche per i moschettoni delle drizze
  5. Controllate la piomba o il nodo delle drizze, se la cima negli ultimi metri è usurata girate la drizza per sfruttare la parte ancora poco usata. 
  6. Per chi ha un paterazzo con paranco in tessile, lavare con acqua dolce i bozzelli e lubrificarli con un prodotto apposito, controllare che l’impiombatura o i nodi sui grilli non presentino segni di abrasione.


VELE
Uno sguardo alle vele servirà a trovare piccoli strappi, segni di abrasione, che con vento forte potrebbero trasformarsi in un problema. 
  1. Controllare in particolare le tasche delle stecche
  2. l’infieritura dei fiocchi dovrà essere perfettamente integra per consentire alla vela di salire e scendere velocemente, da lavare con un panno bagnato in acqua dolce per eliminare il sale e applicare la paraffina. 
  3. Gli spinnnaker andranno controllati palmo a palmo per rintracciare la minima fessura che su queste vele può diventare uno squarcio in un attimo.


ALBERO
  1. Partiamo dalle sartie. Verificate che i tornichetti girino bene, da sciacquare e lubrificare a dovere pulendo a mano eventuali macchie di ossido. Controllate che il cavo non presenti segni di usura in prossimità dei martelletti, verificate lo strallo di prua sia in testa d’albero che all’attacco in coperta. 
  2. Un giro sull’albero è consigliabile, dando un occhio particolare all’attacco delle crocette e a quelli di sartie  e stralli di prua e poppa. Se l’albero non è in alluminio anodizzato, andare a ritoccare eventuali erosioni della protezione.
  3. Se poi volete controllare il vostro albero veramente da capo a piedi, leggetevi questo dettagliatissimo articolo (in due parti) con tutto quanto c'è da sapere sul vostro albero.
Buon Vento.

venerdì 17 aprile 2015

Terza edizione del “TAG Heuer VELAFestival”


Dopo il grande successo della prima edizione che si tenne nel 2013 a Livorno, e della seconda edizione che si è tenuta a Genova nel 2014, quest'anno il  TAG Heuer VELAFestival” si terrà a Santa Margherita Ligure  dal 7 al 10 maggio.

Se pensate che sia un evento mondano, scordatevelo, se pensate sia solo un salone nautico siete fuori rotta. Il Festival della Vela è una manifestazione per appassionati, come se ne fanno in tutto il mondo, organizzata dal Giornale della Vela.  



Un momento dove appassionatiespositoriprofessionistimarinai si ritrovano per parlare la stessa lingua, quella della passione per il mare e per la vela. Una festa nel cuore di un porto vero dove protagonisti sono le barche, gli accessori e i marinai presentati da chi li conosce bene. 



Un porto ideale dove, come in uno yacht club, ti fermi anche per scambiare quattro chiacchiere davanti ad un buon bicchiere, vedere un eccitante video, visitare una mostra, partecipare a un evento, conoscere un marinaio che ha qualcosa da raccontarti, incontrare i velisti dell’anno, che avete votato voi stessi



Anche quest'anno un occasione di provare l'ebrezza della competizione con la TAG Heuer CUP 2015la  veleggiata competitiva  a classifiche separate full / vele bianche (no Spinnaker no Gennaker) aperta a tutte le barche cabinate e non (derive) in cui è anche possibile trovare imbarchi singoli (tramite società di noleggio selezionate). 
La regata si terrà Sabato 9 maggio nella cornice dello splendido Golfo del Tigullio, con passaggio davanti a Portofino con partenza e arrivo davanti alle rive di Santa Margherita.



DOVE SI SVOLGE LA MANIFESTAZIONE:
Santa Margherita Ligure  sul lungomare e la Calata del Porto.

Indirizzo: Calata del Porto 16038 Santa Margherita Ligure GE.

QUANDO SI SVOLGE
Da giovedì 7 maggio a domenica 10 maggio.

A CHE ORA
L’area espositiva è aperta ogni giorno dalle 10.00 alle 19.00 (giovedì  apertura ore 12, domenica chiusura ore 18). 
Ogni sera eventi dalle 18,30.

BIGLIETTI E PREZZI
Prezzo ingresso: gratuito.

Buon Vento.

venerdì 10 aprile 2015

Focus 800

Continuiamo con la nostra serie di post dedicati a barche che per le loro caratteristiche potrebbero essere utilizzate presso le nostre acque di Marina di Montalto e che ci piacerebbe ospitare presso il molo dell' Associazione.
Oggi parliamo del Focus 800.


Abbiamo già parlato del Focus 730 ma adesso il cantiere polacco Yacht Yard propone un nuovo otto metri, il Focus 800.
E'  prodotto con tecniche che lasciano pensare a una barca di buona qualità. Lo scafo è un sandwich di PVC laminato con stuoie unidirezionali e biassiali impregnate con resina vinilestere sottovuoto. Gli interni sono ben curati e il legno utilizzato è di buona qualità.



Il disegno esterno è moderno e accattivante, il pozzetto è largo e profondo con la poppa aperta. Con le sue due comode panche, permette di trascorrere in comodità e relax la maggior parte delle ore sia in navigazione che in ormeggio. 
Tutte le manovre sono semplificate e facilmente regolabili dal pozzetto, mantenendo la coperta sgombra da cime e attrezzature grazie ai passaggi integrati nella struttura.
La deriva mobile è sollevabile direttamente dal pozzetto con un paranco. 



Internamente la barca è un open space dove a prua e a poppa si trovano due letti matrimoniali mentre al centro della barca è  prevista una dinette  con sedute longitudinali contrapposte e tavolo centrale con ali abbattibili. 
Alle spalle della dinette si trovano la cucina,  dotata di due fuochi, lavello e ripiano per le stoviglie e il bagno La falegnameria e la rifinitura sono, per essere un 8 metri, decisamente ricche. La scelta del legno è curata e ci sono molti stipetti per riporre quanto necessario alla navigazione.



Il prezzo con il quale è proposta la barca è di 27.000 euro ragion per cui Il Focus 800 promette di essere una barca con un ottimo rapporto qualità prezzo. 

SCHEDA TECNICA
lunghezza f.t. 8 m
lunghezza galleggiamento 7,60 m
baglio max. 2,80 m
tipo di chiglia deriva mobile
pescaggio standard 1,50 m
pescaggio minimo 0,30 m
dislocamento 2300 kg
altezza in cabina    1,80 m 
randa        22 mq 
fiocco    13 mq 
posti letto    6

Buon Vento.